Le parole chiave del progetto

Arianna

Il progetto LAPs  era stato ideato per perseguire due obiettivi strategici primari:

  • favorire la nascita e la diffusione nella popolazione dell’area di un atteggiamento favorevole alla propria formazione in maniera continuativa;
  • rendere possibile la fruizione di questa formazione secondo modalità non convenzionali in modo da aumentarne l’accessibilità eliminando, o limitando, le barriere materiali e psicologiche.

La concretizzazione di questi obiettivi è stata perseguita identificando alcuni pilastri concettuali ed operativi, resi visibili attraverso “parole chiave” che sono:

  1. la tecnologia
  2. la promozione
  3. l’apertura
  4. la concretezza.

Tecnologia

Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) sono state il centro focale del progetto per due ragioni:

  • primo, come motivazione del progetto stesso: le ICT hanno già modificato il nostro modo di vivere e di lavorare ed ancor più lo modificheranno nel futuro e ci obbligano a sviluppare nuove competenze (sociali, culturali, professionali, personali…) per non rimanere esclusi dal nuovo flusso degli eventi, per fronteggiare le minacce  e per cogliere le opportunità che questi cambiamenti portano. In questo senso, il Progetto è finalizzato ad “includere” le persone nella nuova società dell’informazione attrezzandole con adeguati atteggiamenti, comportamenti e  conoscenze;
  • secondo, come contenuto del progetto: la formazione che è stata erogata ha avuto come uno degli obiettivi formativi e contenuti più significativi lo sviluppo di competenze per l’uso dei più comuni applicativi informatici e per l’utilizzo di tutte le funzionalità legate ad Internet. Oltre alle “basi” delle ICT, si sono perseguiti obiettivi di formazione per specifiche applicazioni professionali. Le ICT sono entrate nel Progetto come “contenuto” ed anche come “strumenti” che sono stati messi a disposizione presso i LAPs: gli utenti hanno potuto fare esperienza con le più recenti tecnologie dell’informazione e della comunicazione in modo da poterne apprezzare le potenzialità e da vincere la naturale resistenza al nuovo.

Promozione

Il Progetto ha inteso perseguire, tra i suoi obiettivi, anche quello di promuovere presso la popolazione della Marmilla un atteggiamento favorevole alla formazione che dovrebbe essere vista come uno “strumento” utile e piacevole. Utile, perché è in grado di dare risultati concreti  in termini di occupabilità e di redditività e piacevole perché il miglioramento delle proprie competenze è un’esperienza positiva sul piano individuale e sociale.

Perché questo avvenisse è stato, però, necessario che le esperienze che sarebbero state promosse non ripetessero, nel metodo e nella forma, la situazione educativa esperita durante le precedenti attività scolastiche.

Oltre che a lavorare su metodo e forma dell’offerta formativa, si trattato di conferire alla stessa una “immagine” di “scuola” non convenzionale: questo importante e strategico obiettivo è stato perseguito con una intensa compagna promozionale di “immagine” e di “prodotto” condotta con messaggi e strumenti specifici per ogni target cui l’offerta è stata diretta.

L’azione mirata alla costruzione di una immagine nuova per una formazione anch’essa “nuova”, ha avuto, anche, lo scopo di sollecitare la partecipazione al progetto di un numero significativo di persone.

Apertura

Il nostro Progetto si è caratterizzato per essere aperto: aperto a tutta la popolazione indipendentemente dai titoli di studio; aperto alle esigenze di frequenza dei singoli utenti; aperto alla domanda di formazione che ogni singolo utente avrebbe formulato.

Il Progetto si era proposto di abbattere ogni barriera materiale e psicologica all’accesso alla formazione da parte di ogni individuo cercando di offrire un’opportunità di apprendimento che tenesse conto delle esigenze dei potenziali utenti e non di quelle dell’ente di formazione.

Si è trattato di affermare, concretamente, l’idea del diritto di ogni persona al mantenimento dell’integrità del valore professionale; si è trattato di favorire l’inclusione sociale e professionale di ogni individuo e specialmente di coloro che, in seguito all’avvento della “società dell’informazione” avessero corso i maggiori rischi di esclusione.

Concretezza

Nonostante l’assunzione di “valori” importanti e l’enfasi che abbiamo dato a concetti, metodi e teorie, il progetto si è presentato come una azione fortemente concreta.

Concreta, nonostante la novità del metodo: gli strumenti ed i metodi della formazione flessibile, aperta ed a distanza che sono ancora nuovi per la realtà italiana, potrebbero far pensare a qualcosa di “sperimentale”, a qualcosa da “collaudare”. Si è trattato, invece, di un approccio ben consolidato e validato in numerosi contesti internazionali di diversa caratterizzazione economica, sociale e culturale. La novità, ed il rischio collegato, si riferisce solo all’introduzione in un contesto sociale e culturale più abituato a  metodi convenzionali d’istruzione. Da parte nostra, si è trattato di essere pienamente  consapevole di questo fatto e di prevedere adeguate strategie d’implementazione.

Concreta, nonostante la focalizzazione sulle nuove tecnologie: le nuove tecnologie proposte come contenuto e strumento (di formazione) avrebbero potuto essere ritenute in eccessivo contrasto, quindi poco coerenti, con una realtà  conservatrice e socialmente ed economicamente marginale. Anche se queste connotazioni fossero state vere ( e, secondo noi, non lo erano), è ampiamente dimostrato che le tecnologie dell’informazione e della comunicazione permettono di procedere “a balzi” saltando passaggi evolutivi continui. Di questa caratteristica delle ICT , si possono avvantaggiare, come, poi, è avvenuto, le realtà meno favorite ed arretrate.

Concreta, per i contenuti della formazione che abbiamo proposto: l’informatica, le tecnologie per comunicare, la lingua inglese sono conoscenze ritenute di primaria importanza per poter stare da protagonisti nella società e nell’economia odierna. La loro importanza si scontra con la loro carente diffusione anche presso persone con alti livelli di scolarità. Il nostro progetto ha vuole partire con una offerta su temi che rappresentano la base di ogni professionalità e che sono ritenuti di primaria importanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.